top

Duca di Salaparuta

Duca di Salaparuta

Corvo e Duca di Salaparuta, nati nel 1824, e Florio nato nel 1833 costituiscono oggi il primo gruppo vitivinicolo privato della Sicilia, una delle principali mete enoturistiche di tutta la Penisola.

L’azienda

Il Gruppo Duca di Salaparuta riunisce tre brand storici che rappresentano la Sicilia e l’Italia nel mondo: Corvo e Duca di Salaparuta, nati nel 1824, e Florio nato nel 1833. Acquisite dalla famiglia Reina e riunite in un’unica realtà, le due Aziende storiche costituiscono oggi il primo gruppo vitivinicolo privato dell’Isola e ne raccontano la storia e la terra attraverso luoghi suggestivi come le Tenute e le storiche Cantine, ma soprattutto attraverso i vini.

Vini che sono espressione chiara dei diversi territori dell’Isola, di cui Duca di Salaparuta vanta una profonda conoscenza, lunga quasi duecento anni, che gli permette di scegliere il vitigno più adatto per ogni terreno e per ogni clima, così che questo cresca nel modo più naturale possibile, secondo i suoi ritmi, e che si trasformi nel miglior vino Florio e Duca di Salaparuta. Il desiderio di attingere a questo grande patrimonio di conoscenze ha portato l’Azienda ad investire sempre di più in vigna grazie anche all’acquisto di tre Tenute in tre diverse zone della Sicilia. Dal fertile e luminoso occidente, al rigoroso e difficile oriente, passando per il cuore di una campagna verdissima e inconsueta: Suor Marchesa, sulle colline di Riesi, Vajasindi, alle pendici dell’Etna e Risignolo nei pressi di Salemi.

Salemi è la provincia più vitata d’Italia. In queste campagne arse dal sole si trova Risignolo, la seconda delle Tenute Duca di Salaparuta, e in queste zone le uve a bacca bianca come il Grillo e l’Insolia trovano la loro terra d’elezione e vengono coltivate con cura. Il Grillo è un vitigno ricco di storia, che si è diffuso soprattutto nella zona di Marsala e di Trapani, dove le sue peculiarità l’hanno reso il primo attore nella produzione del Marsala. Duca di Salaparuta ha dimostrato che questo vitigno ha grandi potenzialità anche coltivato in altura e vinificato in purezza. Secondo questa logica nasce Kados un vino dal colore giallo paglierino, dal profumo floreale e vanigliato, che racchiude tutto il fascino di questa terra. Ma la Tenuta di Risignolo è situata in un territorio vocato anche alla produzione di quello che è probabilmente il più antico vitigno autoctono siciliano, l’Insolia, che grazie al suo bouquet aromatico raffinato e alla sua personalità intensa ha conquistato tutto il mondo. Per questo motivo qui nascono un grande classico tra i bianchi siciliani, Colomba Platino, e un vino storico di Duca di Salaparuta, Bianca di Valguarnera.

Le Cantine Florio

Nello stesso angolo di Sicilia si trovano anche le Cantine Florio di Marsala, dove riposano i vini Florio, che rappresentano una delle principali mete enoturistiche della Penisola, amata sia dai turisti e Wine Lovers italiani sia da quelli stranieri. Alle storiche Cantine di Marsala nel 2017 si affiancano le Cantine Duca di Salaparuta di Casteldaccia (PA), che riaprono al pubblico arricchite di nuovi modernissimi spazi e percorsi suggestivi. Le Cantine Florio, che ospitano oltre 50 mila visitatori ogni anno, rappresentano il desiderio di esprimere una precisa identità ma anche di condurre gli ospiti in un viaggio unico, facendogli sperimentare un’esperienza indimenticabile. La pluralità delle emozioni che l’ospite vive qui si sprigiona dall’architettura stessa del luogo, dalla sua storia ultracentenaria, dall’allestimento degli spazi e dagli stimoli multisensoriali che gli giungono dai vari ambienti, grazie ad uno stile inconfondibile che incarna modernità e unicità, divertimento e cultura.